A Serbian Film

17/12/2010

“Le vittime vendono. Le vittime sono la cosa più venduta a questo mondo”

Pesante come un liquore acido o il peggiore degli incubi freudiani. Freddo, nichilista e senza speranze. Finalmente qualcuno ha unito il gusto proto- snuff ultra-gore (‘a la August Underground) con la massima attenzione per il contenuto cinematografico e sociale. Tutto col giusto budget naturalmente.
Il finale affronta in maniera prevedibile  e retorica il senso di colpa.

Lo considero il primo grande film di genere della nuova decade. Sicuramente non lo vedrò ma più.

PS

Così il regista Srdjan Spasojevic spiega il significato del suo film: “This is a diary of our own molestation by the Serbian government… It’s about the monolithic power of leaders who hypnotize you to do things you don’t want to do. You have to feel the violence to know what it’s about.” (‘A Serbian Film’ Shocks Midnight Audiences At SXSW)

2 Risposte to “A Serbian Film”


  1. […] per il punto di vista altamente cinematografico e il risultato gore della sua operazione. Come in Serbian Film lo vediamo esplorare lo sguardo morboso dello spettatore. Lee Hardcastle per il valore weird […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: