Death Bell

19/12/2010

Inizia col ciclo di una studentessa e finisce con la più sconclusionata delle vendette, ma tante idee sono azzeccate. Tutte le icone dell’horror orientale ci sono, comprese le solite facilonerie derivate. Ma qualcosa si muove, e ogni volta che ci sembra di essere arrivati a una conclusione ecco un nuovo gap narrativo che non ci possiamo spiegare -forse lo sceneggiatore si sta fancendo le stesse domande.  Più matura la direzione che la scrittura.

“Dove andrai adesso?” “Alla mensa”

Una Risposta to “Death Bell”


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: