A Woman, a Gun and a Noodle Shop

01/03/2011

L’ultimo lavoro di Zhang Ymou è un viaggio verso l’assoluto parossismo cinematografico. Lontano sia dall’impegno sociale delle prime pellicole, dalle sferzate storico-action degli ultimi deliranti wuxiapang, rimane solo lo sforzo artistico e un’inquantificabile carica di idee.

Ogni frame è costruito come un’opera d’arte, con luci che si amalgamano delicatamente ai colori vividissimi. Gli interni sono barocchi, traboccanti, pervasi da un intenso sentimento di horror vacui. Gli esterni geometrici, freddi, alieni, minimalisti. Il deserto cinese, la notte, è silenzioso e vuoto come un paesaggio lunare.

La storia poi si snoda tra dramma assurdo e commedia degli eccessi, senza un protagonista, senza uno scopo (esattamente come i personaggi che la animano). Il plot vive delle idee visive e sorregge l’impianto grottesco della narrazione. Forse solo questa è l’eredità dei fratelli Cohen in questo film che si propone di essere un remake, ma rappresenta solo l’utimo arrivo di un regista che ha mosso i primi passi da narratore ma sta lentamente assumendo le spoglie di pittore barocco ed esteta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: