Buñuel y la mesa del rey Salomón

30/03/2011

2002, Tolosa. Il regista Luis Bunuel immagina di trovarsi ai giorni nostri, con gli amici Salvador Dalì e Garcìa Lorca per scrivere il film che hanno sempre desiderato girare insieme, ma che per motivi storici non riuscirono mai a realizzare.

Il soggetto riguarda la ricerca della Tavola di Salomone, oggetto caro alla tradizione cabalistica, sepolto da qualche parte sotto Tolosa e protetto da tutt’e tre le grandi religioni monoteiste. Questo, nella finzione filmica, è lo specchio che riflette tutte le vite degli uomini, ma è anche lo specchio del cinema, quello attraverso cui l’uomo moderno vede se stesso e i propri errori, la propria Storia e, nascosto tra i frame, il proprio destino.

Cinema e metacinema, infatti, Carlos Saura mischia in una cornice avventurosa e fantasy una rilettura dei temi cari al regista catalano e una profonda simbologia cabalistica. Dal surrealismo alla purificazione alchemica per accedere all’immaginario del padre del surrealismo. Ne usciamo divertiti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: