The Raid: Redemption

14/07/2013

Ci sono pochissime parole adatte a descrivere una carneficina lunga quasi due ore. Dopo pochi scarni minuti di presentazione della vicenda l’azione esplode febbrile e incontenibile, il bodycount aumenta esponenzialmente, la direzione ricorda un Johnnie To ipercinetico, dimentico dei suoi lunghi momenti contemplativi a mo’ di proemio all’uragano. In questo marasma di colpi e spari c’è anche spazio per intrecci narrativi dal lento sviluppo ma dalle inaspettate conseguenze; i personaggi non sono macchiette da film d’azione ma ognuno brilla di una propria originalità e completa perfettamente il proprio ruolo nella massiccia struttura narrativa. Non so da che menti possa essere scaturita un’opera tanto coinvolgente. L’azione scorre implacabile, forte di coreografie ricche di idee e soluzioni differenti, tasselli di un climax che non necessariamente conduce alla catarsi evocata nel titolo.

Raid-Redemption-620

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: